La crescita e le responsabilità del bio italiano

Alla vigilia di BioFach le news di Consorzio il Biologico sono un’occasione per offrire un quadro della situazione sul biologico italiano.

BF17_600x90px_it_stat_VS

  • Con il Presidente Nori riepiloghiamo i dati: le stime parlano di una crescita dei consumi di bio del 20% anche per il 2016.

Sono ormai molti anni consecutivi che il fatturato del bio aumenta con doppie cifre. Numeri positivi sia per il mercato interno, in Italia la quota di spesa pro-capite per prodotti biologici è ancora bassa rispetto ad altri paesi, sia per quello estero. Dopo gli Stati Uniti, l’Italia è il miglior paese esportatore di bio; anche qui nel 2016 si stima un più 20%, con un totale di export attorno ai 2 miliardi di euro. Bisogna sempre ricordare che questo andamento non ha mai risentito, anzi è sempre rimasto in controtendenza rispetto alla lunga crisi economica che tanto effetto ha avuto, e ancora ha, sulla spesa alimentare.

  • Ogni anno il primo obiettivo è confermare e consolidare queste tendenze. Quali sono i principali compiti del settore?

Inevitabilmente da una grande crescita nasce una grande responsabilità. Il settore deve migliorare, o almeno mantenere, la qualità dei propri servizi, ma rivolgendosi a un pubblico molto più ampio. L’impegno principale è quindi quello di adeguare le strutture e l’organizzazione perché queste energie siano supportate e non disperse. Insomma, possiamo celebrare pochissimo, e continuare a lavorare.

  • L’impegno del Consorzio sarà quello della promozione, della divulgazione del bio, e ovviamente la partecipazione a fiere e convegni. Quali saranno gli appuntamenti per il 2017?

Si parte come sempre da Biofach a Norimberga in febbraio. Avremmo due spazi, uno al Vivaness con le aziende della cosmesi e la grande area del food con circa 40 aziende e un ristorante con le specialità della cucina biologica mediterranea realizzata dai nostri chef.

Nei mesi a venire saremo prima a Cosmoprof, il salone internazionale della cosmesi che si terrà a Bologna dal 17 al 20 marzo. Parteciperemo con uno stand dedicato alla cosmesi biologica e naturale. Un’esposizione simile, ma da un punto di vista farmaceutico, sarà predisposta per Cosmofarma, sempre a Bologna dal 5 al 7 maggio. In Aprile, dal 9 al 12, saremo a Verona per Vinitaly dove presenteremo i vini biologici. Ancora a maggio Macfrut, la fiera dell’ortofrutta a Rimini dal 10 al 12 con un’area espositiva e convegnistica dedicata al biologico. Infine verso l’autunno gli appuntamenti saranno con il SANA, il salone del biologico e del naturale, a Bologna dal 8 al 11 settembre, e Anuga, a Colonia dal 7 al 11 ottobre, la fiera biennale del cibo.

tag: ,